XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

AO170.jpg

PRIMA LETTURA (1Re 3,5.7-12)
Hai domandato per te la sapienza.
Dal primo libro dei Re

 

SECONDA LETTURA (Rm 8,28-30)
Ci ha predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

 

VANGELO (Mt 13,44-52)
Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».
  

 
                                                                          *****************
Carissimi tutti,
anche oggi ci troviamo a meditare sul Vangelo secondo Matteo e sulle parabole di Gesù. Parabole che sono oggi veramente ridotte all’osso ed è ovvio che  Gesù non si doveva essere limitato a queste poche parole quando le ha raccontate! Come già spiegato da Gesù in un Suo dettato, i Vangeli canonici sono “i pani e i pesci” (l’essenziale per la salvezza), ma Lui ci ha promesso un “lauto banchetto” attraverso lo Spirito Santo e questo ci ha voluto dare con quest’Opera, che Lui stesso chiama: “la Sua Creatura”. Non un 5° Vangelo, ma un ampliamento con tante spiegazioni dell’unico Evangelo di Gesù Cristo, la “BUONA NOVELLA”, così come lui stesso ha voluto rivelare a Maria Valtorta!
 

COME AL SOLITO RIPORTERO’  SOLO IL CUORE DELLA VISIONE E POI POTRETE TROVARE IL TUTTO NEL RIQUADRO QUI A FIANCO.
 
Maria Valtorta: L’Evangelo come mi è stato rivelato. [239.5-9] – ed. CEV

[…] Gesù inizia a parlare:

parabola.jpg

«Dei pescatori uscirono al largo e gettarono nel mare la loro rete, e dopo il tempo dovuto la tirarono a bordo. Con molta fa­tica compivano così il loro lavoro per ordine di un padrone che li aveva incaricati di fornire di pesce prelibato la sua città, di­cendo loro anche: “Però quei pesci che sono nocivi o scadenti non state neppure a trasportarli a terra. Ributtateli in mare. Altri pescatori li pescheranno e, poiché sono pescatori di un altro padrone, li porteranno alla città dello stesso, perché là si consuma ciò che è nocivo e che rende sempre più orrida la città del mio nemico. Nella mia, bella, luminosa, santa, non deve entrare nulla di malsano”.

   Tirata perciò a bordo la rete, i pescatori iniziarono il lavoro di cernita. I pesci erano molti, di diverso aspetto, grossezza e colore.  […]

       […] «Ricordatevi allora il metodo per istruire le turbe. Perché questo è uno dei segreti degli scribi e dei rabbi: ricordare. In verità vi dico che ognuno di voi, istruito nella sapienza di pos­sedere il Regno dei Cieli, è simile ad un padre di famiglia che trae fuori dal suo tesoro ciò che serve alla famiglia, usando co­se antiche o cose nuove, ma tutte per l’unico scopo di procurare il benessere ai propri figli.».


Carissimi,

    vi prego, come sempre, di meditare bene queste divine parole di Gesù e spero che esse possano essere di aiuto anche ad altri oltre a voi, perché voi stessi vi farete promotori e divulgatori di questi splendidi testi. 

 

La pace sia con voi.

Giovanna

 

 

 
XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)ultima modifica: 2011-07-22T05:03:18+02:00da dio_amore
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento