XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

AO200.jpg

PRIMA LETTURA (Is 56,1.6-7)
Condurrò gli stranieri sul mio monte santo.
Dal libro del profeta Isaìa
 
SECONDA LETTURA (Rm 11,13-15.29-32) 
I doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili per Israele.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani 

 

VANGELO (Mt 15,21-28) 
Donna, grande è la tua fede!
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola. 
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele». 
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». 
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.


                                                                                           *********************
Carissimi,

 il S. Vangelo della prossima Domenica XX del T.O. – A,  è  un pò particolare… L’atteggiamento di Gesù (rispetto al solito) è quantomeno un pò strano…

Ancora una volta però, dalle minuziose descrizioni della nostra Maria Valtorta capiremo bene il perché di questo comportamento del Divin Maestro.
Ho preferito dunque trascrivervi il capitolo che si riferisce a questo fatto per esteso per darvi questa completa comprensione. Essendo però molto lungo riporto, qui di seguito,  solo il cuore del discorso e poi potrete leggere il tutto nel riquadro qui a fianco..
 

(Maria Valtorta – L’Evangelo come mi è stato rivelato – Cap. 331 – Vol. V, ed. CEV)

 […] Ma il vecchio si dà ad urlare a squarciagola:
«Figli! Donne! Il Maestro parte! Accorrete! ».
E, come una nidiata di pulcini sparsa per un pagliaio accor­re al grido della chioccia che la richiama, così da ogni parte della casa accorrono donne e uomini in faccende o ancora mezzo assonnati, e bambini seminudi, sorridenti nel visetto appena uscito dal sonno…
Si stringono intorno a Gesù che è in mezzo all’aia, e le madri avvolgono nelle loro ampie gonne i fanciulli per proteggerli dall’aria, oppure li stringono fra le braccia finché una servente accorre con le vesticciole che sono presto messe.
Ma accorre anche una non della casa. Una povera donna piangente, vergognosa… Procede curva, quasi strisciando, e giunta presso il gruppo al cui centro è Gesù si dà a gridare:
 «Abbi pietà di me, o Signore, Figlio di Davide! La mia figliola è molto tormentata dal demonio che le fa fare cose vergognose.
Abbi pietà, perché io soffro tanto e sono schernita da tutti per questo. Quasi che la mia creatura ne abbia colpa di fare ciò che fa…
 Abbi pietà, Signore, Tu che tutto puoi. Alza la tua vo­ce e la tua mano e comanda allo spirito immondo di uscire da Palma. Non ho che questa creatura, e vedova sono… Oh! non te ne andare! Pietà… ».
Gesù, infatti, finito di benedire i singoli componenti della famiglia, dopo aver redarguito gli adulti per avere parlato del­la sua venuta – ed essi si scusano dicendo:
«Noi non parlam­mo, credilo, Signore!», – se ne va, inspiegabilmente duro ver­so la povera donna, che si trascina sui ginocchi con le braccia tese in supplica affannosa mentre dice:
 «Io, io ti ho visto ieri mentre passavi il torrente e ho sentito dirti: “Maestro”. Vi sono venuta dietro, fra i cespugli, e ho sentito i discorsi di costoro. Ho capito Chi sei… E questa mattina sono venuta che era an­cora notte a stare qui, sulla soglia, come un cagnolino, finché si è alzata Sara e mi ha fatto entrare. Oh! Signore, pietà! Pietà! Di una madre e di una fanciulla! »
 
Vi prego di leggere bene il prima ed il dopo, altrimenti l’atteggiamento di Gesù sembra davvero incomprensibile!!!
Buon fine settimana.
La pace sia con voi.
Giovanna
 

 

XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)ultima modifica: 2011-08-12T07:43:09+02:00da dio_amore
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento