XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

Carissimi tutti,

il brano dell’Evangelo che segue e che si riferisce al Vangelo di Luca di domenica prossima e anche a Matteo 25,31 (essendo lunghissimo lo riporterò solo nel riquadro qui a fianco), è uno di quelli che fa parte di quel libro di Profezie valtortiane (e sono già ben 176 pagine nella versione “senza commenti”) che si trovano sparse in tutta l’Opera e che sto faticosamente cercando di mettere insieme anche con un minimo di spiegazioni e nella loro giusta cronologia.

Appena possibile le metterò quindi interamente in questo blog nella sola versione “senza commenti”, nella speranza di fare cosa gradita a chi è interessato a delle serie profezie.

 

Buona lettura dunque e soprattutto buona meditazione.

 

La pace sia con voi.

Giovanna

 

======================

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)
=========================

 

PRIMA LETTURA (Ml 3,19-20)
Sorgerà per voi il sole di giustizia.

Dal libro del profeta Malachìa

SECONDA LETTURA (2Ts 3,7-12)
Chi non vuole lavorare, neppure mangi.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési

VANGELO (Lc 21,5-19)
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

 

Maria Valtorta: L’Evangelo come mi è stato rivelato. [596.37-51] di [596.1-52] – IL MERCOLEDI’ SANTO – ed. CEV

 

….37Eccoli in mezzo ai dormenti. Li chiamano. Essi si svegliano. Anche Mannaen che, finito il suo compito, si scusa col Maestro se non può restare e se domani non potrà essere vicino a Lui nel Tempio, perché deve rimanere a palazzo. E nel dirlo guarda fisso Pietro e Simone, che sono nel frattempo ritornati, e Pietro ha un cenno rapido del capo come per dire: «Capito».

Escono dai Giardini. Fa ancora caldo. C’è ancora sole. Ma già la brezza della sera tempera il calore e spinge qualche nuvoletta sul cielo terso.

Si avviano su per Siloan evitando i luoghi dei lebbrosi, dai quali va Simone Zelote a portare, ai pochi superstiti che non hanno saputo credere in Gesù, i resti del loro pasto.

38Mattia, l’ex pastore ((G Diventerà poi il 12° apostolo al posto di Giuda il traditore.)), si avvicina a Gesù e chiede: «Signore e Maestro mio, io ho molto pensato coi compagni alle tue parole finché la stanchezza ci prese, e dormimmo prima di avere potuto risolvere il quesito che ci eravamo posti. E ora siamo più stolti di prima. Se abbiamo bene capito i discorsi di questi giorni, Tu hai predetto che molte cose si cambieranno benché la Legge resti immutata e che si dovrà edificare un nuovo Tempio, con nuovi profeti, sapienti e scribi, contro il quale saranno date battaglie, e che non morrà, mentre questo, sempre se si è capito bene, pare destinato a perire».

«È destinato a perire. Ricorda la profezia di Daniele…».

«Ma noi, poveri e pochi, come potremmo edificarlo di nuovo se fecero fatica a edificare questo i re? Dove lo edificheremo? Non qui, perché Tu dici che questo luogo resterà deserto sino a che essi non ti benediranno come mandato di Dio». ((G Con queste parole, che Gesù approva, abbiamo perciò la drammatica conferma che il Tempio di Gerusalemme non avrebbe più potuto essere riedificato – ed infatti non lo è più stato, nonostante ci abbiano provato – perché ormai privo dello Spirito di Dio che abbandonò il Tabernacolo,  il Santo dei Santi, nel giorno del Venerdì Santo, dopo il Deicidio! ))

«Così è».

«Nel tuo Regno, no. Siamo convinti che il tuo Regno è spirituale. E allora come, dove lo stabiliremo? Tu ieri hai detto che il vero Tempio – e non è quello il vero Tempio? – che il vero Tempio, quando crederanno di averlo distrutto, allora sarà che salirà trionfante alla Gerusalemme vera. Dove è dessa? ((G La Gerusalemme vera, come la intende Mattia, è ovviamente quella Celeste, dove sarebbero entrati a Redenzione compiuta con lo Spirito di Gesù anche quelli di tutti i Patriarchi, i Profeti, i Pii Ebrei, gli Innocenti e tanti purificati dal Purgatorio). Molta confusione è in noi».

«Così è. I nemici distruggano pure il vero Tempio ((G Il Suo Corpo Santissimo)). In tre giorni Io lo farò risorgere, e non conoscerà più insidia salendo dove ((G Nella Gerusalemme Celeste, appunto)) l’uomo non può nuocere.

39Riguardo al Regno di Dio, esso è in voi e ovunque sono uomini che credono in Me. Sparso per ora, succedentesi sulla Terra nei secoli. Poi eterno, unito, perfetto nel Cielo. Là, nel Regno di Dio, sarà edificato il nuovo Tempio, ossia là dove sono spiriti che accettano la mia dottrina, la dottrina del Regno di Dio, e ne praticano i precetti. (Segue qui a fianco)

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)ultima modifica: 2010-11-12T06:06:00+01:00da dio_amore
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento